4 aprile 2018

L'immenso universo


Se solo ci rendessimo conto 
di quanto infinitamente piccoli siamo 
di fronte
all'immenso universo
forse...
essere degli esseri umani umili
dinnanzi alla vita 
ci farebbe capire 
quanto immensi potremmo essere. 

29 marzo 2018

Siate ambasciatori di pace



Quest'anno voglio usare come bigliettino d'auguri questo disegno di Zoe.
La frase dice: LA VITA E' BELLA.
La vita e' bella, se si sa cogliere l'immenso in un abbraccio di un albero magico,
la vita è bella, se con te a condividere questo gesto  ci sono le persone che ami,
la vita è bella, se credi veramente che in quell'albero ci sia lo spirito di un bambino a cui vuoi bene,
nonostante lui non abbia mai fatto parte della tua vita terrena.
la vita è bella, se fai tuoi i pensieri di una madre che vede l'amore che metti in ogni gesto che doni.
  
La Pasqua per me quest'anno è di rinascita interiore anche
attraverso i gesti e le visioni di questo disegno.
Quando Zoe fece questo disegno mi giunse spontanea la domanda: Zoe ma come mai hai disegnato la colomba? 

le parole di Zoe furono :


“Mamma, dobbiamo essere ambasciatori di pace
perché se c’è pace in ognuno di noi, 
ogni persona che vive sul nostro pianeta vedrebbe l’amore e la bellezza che c’è in ogni cosa, 
in ogni gesto, 
in ogni grazie detto, 
in ogni stretta di mano data,
in ogni abbraccio ricevuto o donato, 
vedrebbe la bellezza in ogni colore.
la vita è bella se solo lo vogliamo con tutto il cuore.

Se c’è pace in noi si vede l’amore anche in un cuore di cartone di color verde appeso ad un piccolo ippocastano bianco come questo. 

Vi auguro  una Pasqua di rinascita interiore e di riscoperta, 
Vi auguro di cuore di riuscire ad essere ambasciatori 
di pace e amore,attraverso i vostri gesti quotidiani.

l'albero dell'amicizia Grande Ale






21 marzo 2018

La mia più bella primavera




Sarai per sempre la mia più bella primavera.

Oggi compi 13 anni. 
Sei un ragazzo fatto e finito, 
eppure quando ti guardo in questo giorno che ricade puntuale ogni anno, 
penso al primo istante in cui ti ho visto.
Erano le 4.00 del mattino ,
avevi qualche ora di vita...
Ricordo benissimo l'infermiera che ti accompagnò da me,
mise gentilmente il tuo lettino affianco al mio letto,
e io ti vidi per la prima volta.
Eri sveglio,
con gli occhi spalancati,
scrutavi il mondo per la prima volta e lo stavi facendo con me.
Ci si chiede spesso che entità abbia la felicità,
ecco,
questo è l'istante
in cui io ho afferrato e compreso cos'era la felicità. 

Ci sono pochi momenti nell'arco della nostra esistenza,
in cui si è consapevoli veramente di essere felici.
Io avrò per il resto della mia vita
la consapevolezza
di sapere quando sono stata felice per la prima volta ...
ancor di più oggi nel dirti
che la mia prima volta
è stata con te.
Auguri Ezio.
Ti voglio bene .
Mamma

19 marzo 2018

Sei vento tra i capelli


Le cose belle arrivano ... 
arrivano per riempire i vuoti creati dalle assenze fisiche, 
dalla rabbia, 
dal dolore insopportabile. 
Arrivano a riempire spazi che abbiamo fatto dentro di noi 
pronti ad accogliere il bello di un amore grande 
che si manifesta in luce e tanta aria.
E proprio vero ... 
siamo argilla da modellare.

Tu eri argilla da plasmare.
Ora sei solo vento che scompiglia i capelli e mi aggroviglia il cuore.

19 marzo 1972 - 19 marzo 2018

Amo da sempre questa foto di te,
la amo da che ho ricordi di me da bambina.
La ricordo sulla mensola della cucina dei nonni,
una cucina di metallo bianco crema con i pianali rossi...
tu sei sempre stato li, anche ora sei li.

Ricordo la nonna 
quando prendeva la cornice 
e me la metteva in mano 
per renderti parte di me nel bacio della buona notte.

Oggi si festeggia San Giuseppe, 
l'uomo, il padre dei padri
 che ebbe il coraggio di accogliere un bambino
non biologicamente suo
 di amarlo infinitamente come parte di se.

Io oggi scrivo di te 
senza ricordi,
senza immagini
 che ci ritraggono assieme uno nelle braccia dell'altro.
Eppure parlo di te come il più bello dei mari in cui ho navigato.

Mi chiedo spesso 
che donna sarei diventata 
se solo tu ci fossi stato nella mia vita 
di bambina,
di adolescente,
di donna 
e oggi di madre di Ezio e Zoe.

Guardo spesso Ezio 
con occhi di figlia 
per cercare di carpirgli delle somiglianze 
che  possano in qualche modo 
renderti visibile ai miei occhi 
di bambina orfana di te.

Poi sorrido dolcemente e ti riconosco nel mio sguardo
e penso con tutta me stessa 
che saresti orgoglioso di me.

Buona festa del papà ... 
Anche se proprio in questo giorno il destino ti ha portato via da me per sempre.