18 settembre 2009

Pedalando e correndo...

Un immagine di Robert mapplethorpe


Questa settimana , dopo cinque anni ho ripreso a frequentare una palestra. Inutile dirvi che è stato traumatico per i miei muscoli assopiti dalla quotidiana vita casalinga e routinaria. Sono felice, perché il mio corpo sembra rinato, muscoli che non ricordavo neanche di avere si sono risvegliati e lavorano faticosamente muovendosi ad un ritmo regolare. Pedalo e corro. La cosa strana è la sensazione che provo mentre faccio gli esercizi, nonostante ci sia la musica che avvolge l'ambiente attorno a me , il silenzio mi avvolge e mi ritrovo a parlare con me stessa come se fossi un'altra persona. Questo accade esattamente nel momento in cui mollerei tutto perché non ce la faccio più... e invece è proprio in quel preciso istante, dove tiro di più , fino a sentire i muscoli in tensione. E' una sensazione bellissima. Molte persone che conosco non amano la palestra perché credono che il dover lavorare da soli sugli attrezzi sia noioso e monotono. A me capita l'esatto contrario. E' un momento intimo in cui la mia mente si stacca dal presente e vola. Analizzo, scruto un punto fisso dove il mio sguardo si blocca e mi concentro fino a non sentire più nessun rumore. Mi sono posta degli obiettivi per i prossimi mesi spero che la determinazione e la costanza sappiano essere delle fedeli compagne di viaggio. Per il momento sono veramente motivata a prendermi cura di me stessa. Mi fa star bene. E lo stare bene con se stessi è importante per saperci confrontare con il mondo che ci circonda.