21 gennaio 2008

Arnesi infernali





Non vi capita mai di pensare a ritroso?
A me ... Si! In questo lungo inverno tantissimo. Ieri sera la nostra amatissima Zoe ha dato il colpo di grazia al nostro DVD. Arnese infernale dei giorni nostri! Ma una specie di bacchetta magica per le generazioni di oggi. Infatti nonostante i miei due figlioli, abbiano in due, cinque anni... Utilizzano il dvd come una sorta di fata incantatrice...Nutrendosi di immagini e parole.
Non mi ritengo vecchia, eppure se penso all' emozione che provai la prima volta che mia sorella Sandra mi portò al cinema ... Non è niente di paragonabile a tutto ciò che oggi è normalità. (DVD).
L' emozione di quella domenica invernale del 1982... Decidemmo per l' appunto, di recarci al cinema a vedere un film che si rivelò allora, e poi, con gli anni... Un vero e proprio capolavoro. A mio parere il più bel film di Spielberg. Avevo dieci anni, e gli unici argomenti di cui sentivo parlare per le strade sperdute di campagna era del campionato del mondo di calcio, che si sarebbe svolto nell' estate, e di questo strepitoso film in uscita nelle sale. ET L'extraterrestre. Il primo film per ragazzi con effetti speciali. Quella domenica partimmo alla volta di Jesolo... destinazione: cinema Aurora. Ricordo la mia emozione nel salire in pullman, all' entrata del cinema, nel fare i biglietti, nel vedere quest' enorme sala avvolta da drappi rossi... Che chiudevano le entrate e le uscite di sicurezza; Le poltrone di legno... E in fine, quest' enorme schermo bianco, davanti a me. Rimasi entusiasta della visione del mio primo film in sala. Anche la scomodità delle poltrone passò in secondo piano. Che domenica!!! Sembra un racconto dì altri tempi! Oggi mi chiedo: Per cosa i miei figli, e le generazioni future proveranno emozioni vere? Non certo nel vedere un film!... Rimango comunque ottimista. E anche se il mondo sarà invaso da arnesi infernali... Speriamo ci rimanga uno spiraglio d' aria pura... Dove poter respirare... Ma soprattutto sognare.


2 commenti:

Luigina ha detto...

Ti mando una poesia di Kahlil Gibran che mi sembra adatta al tuo post
RITORNAR BAMBINI
Le cose che il bambino ama
rimangono nel regno del cuore
fino alla vecchiaia.
La cosa più bella della vita
è che la nostra anima
rimanga ad aleggiare
nei luoghi dove una volta
giocavamo.

da "Self-Portrait

jasna ha detto...

Che bella! E quanto è vera... Quante cose sto imparando! Grazie Luigina sei una grande!!!!